Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Bangladesh: dichiarazione dell’alto rappresentante, a nome dell’Unione europea, sulle elezioni parlamentari

Council2

  • Consiglio dell’UE
  • Comunicato stampa
  • 9 gennaio 2024

L’Unione europea prende atto dei risultati delle elezioni parlamentari tenutesi in Bangladesh la scorsa domenica e ribadisce che il partenariato di lunga data UE-Bangladesh si fonda sui valori della democrazia, dei diritti umani e dello Stato di diritto.

L’UE deplora il fatto che non abbiano partecipato a queste elezioni tutti i principali partiti.

L’UE accoglie con favore l’accordo delle autorità a rendere pubbliche la prossima relazione e le raccomandazioni della missione di esperti elettorali dell’UE. Nello stesso spirito di trasparenza e responsabilità, invitiamo le autorità competenti a garantire un’indagine completa e tempestiva in merito a tutte le irregolarità elettorali segnalate.

L’UE condanna gli atti di violenza avvenuti durante il periodo elettorale e invita tutti ad astenersi dalla violenza nel periodo successivo alle elezioni. È inoltre fondamentale che in questo periodo e successivamente si rispettino e si difendano lo Stato di diritto, l’indipendenza della magistratura, il giusto processo e il diritto di riunione pacifica. A tale proposito, la detenzione di esponenti dell’opposizione desta estrema preoccupazione.

L’UE incoraggia vivamente tutti i portatori di interessi a rispettare il pluralismo politico, i valori democratici e le norme internazionali in materia di diritti umani, nonché ad avviare un dialogo pacifico. È essenziale che i media, la società civile e i partiti politici possano svolgere il loro lavoro senza censura e senza timore di rappresaglie.

L’UE continuerà a cooperare con il governo del Bangladesh relativamente alle priorità che caratterizzano le nostre relazioni di lunga data nei settori della politica, dei diritti umani, del commercio e dello sviluppo, ivi compreso l’eventuale accesso futuro del paese al sistema di preferenze generalizzate SPG+.