Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Consultazioni politiche Italia-Bangladesh

Seconda1
Seconda1

Il Sottosegretario di Stato agli Affari Esteri e Cooperazione Internazionale Maria Tripodi ha aperto oggi alla Farnesina le consultazioni politiche bilaterali tra Italia e Bangladesh. L’incontro, all’indomani delle celebrazioni del 50° anniversario delle relazioni bilaterali, ha costituito l’occasione per la firma di un Memorandum d’intesa che stabilisce un meccanismo di consultazioni politiche a livello di alti funzionari, ponendo le basi per rapporti ancora più intensi.
Nel ricordare le storiche relazioni con il Bangladesh – l’Italia fu infatti tra i primi Paesi a riconoscere il Bangladesh dopo la proclamazione della sua indipendenza – il Sottosegretario Tripodi ha sottolineato l’intensità della cooperazione bilaterale fra i due Paesi, specialmente in ambito economico, con un interscambio cresciuto nel 2022 del 53% rispetto al 2021, e migratorio, con l’inserimento del Bangladesh fra i Paesi beneficiari del Decreto Flussi.
Presiedute dal Segretario Generale Amb. Riccardo Guariglia e dal suo omologo bangladese Masud Bin Momen, già Ambasciatore del Bangladesh in Italia, le consultazioni hanno consentito di passare in rassegna i principali temi della collaborazione bilaterale e multilaterale. In particolare, l’Amb. Guariglia, nell’esprimere apprezzamento per le iniziative di Dhaka volte a favorire sviluppo economico e innovazione, ha sottolineato il crescente interesse delle aziende italiane per il Bangladesh, anche nel settore della difesa e della sicurezza. L’Amb. Guariglia ha espresso altresì apprezzamento per lo stato del dialogo politico, anche relativamente a quadranti regionali di importanza prioritaria per Italia e Bangladesh, quali l’UE e l’Indo-Pacifico, e nei principali consessi multilaterali: in particolare alle Nazioni Unite, dove i due Paesi figurano tra i principali contributori di truppe alle missioni di pace. L’incontro ha consentito anche di illustrare all’interlocutore i punti di forza della candidatura di Roma a EXPO2030.
I due Ambasciatori hanno altresì discusso della necessità di un sempre maggiore coordinamento per far fronte alle attuali crisi e sfide internazionali, come la guerra in Ucraina e il dossier migratorio. In questo contesto, l’Amb. Guariglia e l’Amb. Momen hanno affrontato anche la crisi in Myanmar e in particolare la situazione dei Rohingya.
I due Segretari Generali hanno concordato sull’opportunità di espandere ulteriormente la collaborazione bilaterale, anche grazie al Memorandum sottoscritto.

Seconda1